Diventare un gigolò: 4 pericoli di cui stare attenti

 Diventare un gigolò: 4 pericoli di cui stare attenti

Scopri come diventare un gigolò evitando di commettere 4 errori

Chi non ha mai desiderato nella propria vita essere “pagato” da una donna per realizzarne le fantasie? Eppure c’è molta confusione negli uomini su “cosa voglia dire diventare un gigolò”.

Spesso mi chiamano dei ragazzi e mi chiedono “Ciao Kris, come posso fare ad iniziare? Quali sono i primi passi da fare?”. Con la massima disponibilità cerco di dare un piccolo orientamente e dedico una mezz’ora di tempo per comprendere le ragioni e la filosofia con cui il nuovo arrivato intende approcciare questo mondo.

Durante queste consulenze mi rendo conto che le idee sono poco chiare e ci sono dei grossi miti da sfatare, che altrimenti si tramutano in gravi errori di approccio.


Diventare un gigolò: mi pagano per fare sesso

Diventare un gigolò non è una scusa per fare “sesso a raffica”. Nessuno ti paga per fare sesso, le persone acquistano il tuo tempo per vivere un’esperienza. Scordati il fatto che tu sia comprato per fare sesso.

Il sesso è una conseguenza di una relazione di fiducia, di intimità, mentale, emotiva, che si genera nel momento in cui fra te e la donna si crea un “rapporto di valore”.

Ti pagano per vivere quel valore, per uscire dagli schemi, per rompere le regole, per tuffarsi in un piccolo sogno, per farsi un regalo, per dare una svolta alla propria vita, per superare un trauma, per regalarsi un sorriso. Non ti pagano per “fare sesso”.

Diventare un gigolò


2. Basta mettere un annuncio su internet

Se pensi di scattarti 4 selfie e pubblicarli su un portale online, caro mio sei decisamente fuori strada. I gigolò attualmente presenti sul mercato Italiano sono più di 3000 persone, di cui 2800 non guadagnano più di 200 € al mese. Come mai? Perchè non esiste tutto questo mercato per soddisfare in maniera economicamente interessante 3000 persone.

Le donne o le coppie che scelgono un gigolò lo fanno per vivere un’esperienza che solitamente è UNICA nella loro vita (poche persone tendono a rinnovare gli incontri), di conseguenza indagano per giorni, settimane, a volte mesi prima di decidere come e dove spendere il loro tempo e i loro soldi.

Per distinguerti dalla massa devi dare valore, fiducia e professionalità. Come la dai? Con delle foto di alta qualità fatte da un fotografo, con un sito personale ben curato, ben indicizzato su Google e con dei contenuti aggiornati, con delle buone recensioni.

Eh ma ci vuole tempo! Si caro mio, ci vuole tempo. Perchè se una persona ha 500 € in tasca e può scegliere fra te che hai un selfie in giardino e un professionista con un 30 pagine indicizzate su Internet e 150 recensioni, chi pensi che sceglierà?

Devi accettare che per diventare un gigolò serve tempo, e lavoro, inizia a creare un sito, trova la tua nicchia di mercato, crea contenuti che in 3 o 4 mesi si indicizzeranno su internet e vedrai che il telefono comincierà a squillare.

3. Abbassare i prezzi

Diventare un gigolò non vuol dire diventare il “Tavernello al supermercato, così più persone mi possono comprare”. Più il prezzo è basso e più sarai percepito di scarso valore. Il dubbio che rischi di insinuare in una donna è: fa i prezzi bassi perchè in realtà è solo un uomo a cui interessa fare tanto sesso con tante donne. Questo pensiero uccide il ruolo di prestigio e di professionalità che dovresti avere.

Ovviamente per supportare un prezzo adeguato devi anche avere una storia e dei materiali a supporto, ad esempio un’ottima presenza online, delle buone recensioni e una eccellente presenza fotografica. I 2800 gigolò che ti dicevo prima si vendono sul mercato a 80 € ad appuntamento. I gigolò professionisti hanno un rate di 300 € l’ora.

Ad 80 € ad appuntamento la percezione che dai è di un disperato che pur di lavorare si svende, e nessuno vuole comprare un disperato per regalarlo alla moglie, o per perdere la verginità o per regalarsi un sogno.

4 Sottovalutare il valore dei messaggi

Sappi che non verrai prenotato come un appartamento su AirBnB ! Non ti arriva la richiesta di prenotazione con l’orario e l’indirizzo. Chi ti chiama spesso ha molta paura, non ha ancora maturato concretamente la scelta e ti contatta per percepirti come “uomo” prima che come “prodotto di mercato.

Tutto inizia da un messaggio su whatsapp o una telefonata. Dall’altra parte c’è una persona insicura, timida, che cerca di non sentirsi sbagliata nella scelta che ha fatto e spera di cadere in buone mani.

Non devi scocciarti di sostenere una chat anche per giorni, perchè quella chat serve a creare fiducia in te!

Dedica tempo a quella donna perchè prima di essere una cliente è un essere umano, ha paura, è naturale. Coltiva il rapporto tramite messaggi, fai sentire la tua presenza, ispira loro fiducia. Cerca di conoscerle e di farti conoscere, non serve indossare una maschera, sii te stesso.

Diventare un gigolò spesso vuol dire diventare amico intimo della donna che ti chiama. Attraverso i messaggi puoi generare una bolla di privacy fra te e la donna che ti farò percepire affidabile e intimo. Questo la aiuterà a compiere un passo importantissimo, oltre che oneroso.

Diventare un gigolò: sei pronto?

Ora non ti resta che guardarti allo specchio, e farti la domanda “Sono pronto a fare tutto ciò? Ho compreso che serve tempo, forza di volontà, impegno e costanza per diventare un gigolò?”.

Se la risposta è SI, allora inizia subito a contattare un fotografo, un tecnico per fare un sito, e costruisci il tuo personaggio! Vedrai che in qualche mese comincierai ad avere la tua presenza su internet e il mercato si fiderà di te.

altri post che potrebbero interessarti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *